... E' una forma meno invalidante del disturbo bipolare ed è caratterizzata da periodi alternanti di depressione e di ipomania. Ci sono dei periodi di normalità in cui l'umore è stabile, che non durano però per più di due mesi.Il ciclotimico soffre l'alternarsi di periodi di iperattività, creatività e spirito di iniziativa, con periodi di apatia, lentezza di riflessi e difficoltà nella concentrazione.Nelle fasi di ipomania si intraprendono progetti anche grandiosi affrontati con entusiasmo per poi essere abbandonati appena sopraggiunge la fase depressiva. Tuttavia la ciclotomia non è mai così grave da compromettere la vita sociale e lavorativa dell'individuo.

venerdì 26 settembre 2014

Mi hai cancellato da Facebook ... ma non mi rode il culo, anzi!

È un fenomeno molto noto nelle nostre homePage di Facebook. Di tanto in tanto veniamo a sapere che il nostro "amico" o la nostra "amica" è stato eliminato dalla cerchia di amicizie di un ANONIMO utente. Dicono che " Si dice il peccato ma non il peccatore " e Facebook non è da meno. I toni sono quelli della persona forte, che se negli anni '80 Facebook fosse già esistito, la scena sarebbe sicuramente finita anche in TERMINATOR.
 
« Tu mi hai cancellato, ma chissenefrega, fai schifo, sei patetico, mi hai fatto un favore, andrò a Lourdes a ringraziare la Madonna, se non lo facevi tu l'avrei fatto io, fai cagare, ma che cazzo di foto ti scatti, puzzi, sei deficiente, mi fai pena [...] » eccetera, eccetera  .....

Riesco a comprendere che le casistiche possono essere molteplici, ma mi sovvengono comunque un po' di domande, delle quali la "regina" è al primo posto.

1) Cosa cazzo me ne frega?  - Un tempo esistevano i diari segreti. Segreti. Con il lucchetto. Ecco quelli erano adatti ad uno sfogo personale. Se lo metto su facebook o su di un blog (come sto facendo io) vuol dire che voglio esternare agli altri la mia idea, la mia frustrazione, il mio pensiero. Quindi, perché scrivere una cosa del genere che non ha ne capo ne coda? VUOI CHE QUALCUNO CON QUEI DIFETTI ti legga? A che pro? Vuoi che gli amici (rimasti) ti consolino che non è colpa tua? Almeno se ci dicessi DI CHI SI TRATTA potrei avere un'idea su chi dei due è più testa di cazzo.

2) Per quale motivo lo stai scrivendo? Non è che forse in cuor tuo speri, vaneggi o peggio SEI CONVINTO che questa persona sia li a vedere la tua reazione? E se pure, come mai ci tieni che una persona tanto spregevole e immeritevole di tua attenzione legga questo tuo status?

3) (a ruota, quindi) Non è che ti rode il culo? Non è che la tua reazione è una parafrasi della classica scenetta del ragazzo respinto che singhiozza giurando che non gli importa nulla d'essere stato rifiutato?

4) Non è che forse hai meritato di essere stato rimosso? Non è che questo "ex amico" anziché abbandonarsi ad un cerimoniale pubblico di insulti ha semplicemente deciso di farla finita per evitare un contatto con te, e che quindi s'è comportato in maniera del tutto CONTRARIA alla tua descrizione?

5) Non sarebbe stato il caso (giacché hai deciso per un Exploit pubblico), di farlo PRIMA, ossia quando era più probabile che l'imputato t'avrebbe letto? Oppure è diventato così negativo all'improvviso? Forse per il fatto di poter essere controbattuta? Forse perché quello che pensi non è del tutto vero?

Boh, comunque, ho appositamente utilizzato forme maschili e femminili perché è proprio un discorso in generale. Sia chiaro. Anche io utilizzo applicazioni per controllare chi mi rimuove dagli amici. Spesse volte mi dispiace, spesse volte mi domando in fondo chi cazzo fosse, ma che io ricordi non ho mai impostato una sceneggiata napoletana su un mio status per un amicizia in meno.

Nessun commento:

Posta un commento